S3244
Compostella

Rivista del Centro Italiano di Studi Compostellani
n. 31 (2010)



64 pagine a colori
Prezzo di copertina € 12,00

ISSN 2282-6092

Download:
Sommario (430 Kb)
Editoriale (909 kb)
Se non riesci a leggere i file PDF, puoi scaricare gratuitamente Acrobat Reader.

Per il 2010 il prestigioso TROFEO GALEGUIDADE è stato assegnato alla rivista «Compostella» da parte dell’istituzione galega Enxebre Orde da Vieira di Madrid con la seguente motivazione: «Para este año 2010, el Jurado acordó proponer para el Trofeo Galeguidade a Medio de Comunicación Social, a la Revista COMPOSTELLA, del Centro Italiano di Studi Compostellani, por sus más de treinta volúmenes dedicados a estudios jacobeos, fomentando las peregrinaciones a Santiago de Compostela».

 

 

   La copertina di questo numero raffigura l’ancona di San Giacomo in Atri (TE) e vuole testimoniare – come sottolinea Paolo Caucci nell’editoriale – la solidarietà del Centro Italiano di Studi Compostellani nei riguardi dell’Abruzzo colpito dal sisma del 2009.
   La scheda tecnica dell’ancona è stilata da Elisa Amorosi e i contenuti iconografici sono curati da Guido Tamburlini. Anche l’articolo di Luisa Lofoco è incentrato sull’Abruzzo jacopeo con le testimonianze più consistenti del pellegrinaggio compostellano.
   Marco Piccat e Dominique Constantini ci portano in Dalmazia, uno sulle orme dei pellegrini medievali diretti a Santiago, e l’altro tra i confrati della Scola di San Giacomo a Zara.
   L’archeologo Donato Labate illustra il recente scavo effettuato nel comune di Spilamberto (MO) che ha portato alla luce alcune inumazioni di pellegrini sepolti con il bordone e la conchiglia.
   Giovanni Maccherini prende lo spunto da due albarelli da speziale e parla dei farmaci usati dai pellegrini per alleviare la stanchezza del lungo e faticoso cammino.
   Rosa Vázquez Santos, con l’ausilio di una raffinatissima cartografia, illustra tutte le chiese di Roma dedicate a San Giacomo.
   Infine, Giuseppe Arlotta pubblica tutti i francobolli dedicati dalle Poste spagnole agli Anni Santi Compostellani dal 1937 al 2004.